Info Amici

Informazioni & Cultura

Tombola

Tombola5
Giochi  |  Burraco   |   Briscola   |   Scopa 

  Manuale Prg         Regolamento

REGOLE PER IL GIOCO

Sostanzialmente equivalente al gioco di diffusione internazionale noto come Bingo, la Tombola è tecnicamente un gioco d’azzardo, in quanto i partecipanti sono tenuti al versamento di un somma in denaro che viene poi ridistribuita come premio ai vincitori. Tuttavia, la Tombola italiana viene normalmente giocata in un contesto familiare (è un tradizionale gioco natalizio) e le somme che si impegnano e si vincono hanno solitamente valori puramente simbolici (quando non si scelga addirittura di utilizzare premi di altra natura).

Il carattere casuale del gioco unito al talvolta notevole valore dei premi in palio ha reso il termine Tombola sinonimo di evento fortunato o di acquisizione fortuita di una ricchezza o somma di denaro. Un giocatore con ruolo di Croupier ha a disposizione un tabellone sul quale sono riportati tutti i numeri da 1 a 90, e un bussolotto, un sacchetto o un panariello riempito con i 90 numeri da estrarre.

Il compito del Croupier consiste nell’estrarre i numeri in modo casuale, e annunciare ai giocatori il numero estratto. L’annuncio generalmente include anche la citazione di una delle immagini che la classica tradizione napoletana associa proprio ai numeri da 1 a 90 e chiamata Smorfia. I giocatori dispongono di una o più cartelle, precedentemente acquistate, di cui ogni cartella è composte da 3 righe di 5 numeri compresi tra 1 e 90 in modo casuale.

Ogni volta che il numero estratto è presente su una o più delle sue cartelle, il giocatore copre o segna con una penna la casella corrispondente. Nella versione tradizionale della Tombola, le cartelle sono semplici cartoncini stampati e i numeri vengono coperti con fagioli, ceci, lenticchie, pasta o altro materiale disponibile dopo i cenoni natalizi come i gusci di frutta secca. Tali cartelle sono realizzate in gruppi di sei in modo che in ogni gruppo vengono immessi tutti i numeri da 1 a 90, anche se disposti in modo diverso.

Le cartelle vengono acquistate in numero variabile dai giocatori secondo un prezzo unitario predefinito non necessariamente in denaro. Similmente il giocatore che detiene il tabellone è tenuto a versare l’importo relativo alle sei cartelle virtuali che compongono il tabellone. È possibile, come variante alle regole classiche e previo accordo generale, che il tabellone venga acquistato dal Croupier in forma parziale. È anche possibile che venga richiesto per il tabellone un versamento ulteriore per compensare il fatto che sul tabellone vengono sempre posizionati tutti i numeri estratti.

L’importo derivante dall’acquisto di tutte le cartelle e del Tabellone definisce il monte premi che viene di norma suddiviso in vari premi di importo crescente. Lo scopo ultimo del gioco è quello di realizzare la Tombola, ovvero arrivare per primi a coprire tutti i numeri presenti su una delle proprie cartelle. Normalmente vengono anche assegnati premi minori per risultati intermedi, come l’ambo, vinto dal primo giocatore che copre due numeri presenti sulla stessa riga di una cartella, il terno combinazione di tre numeri sulla stessa riga, la quaterna unione di quattro numeri sulla stessa riga, la cinquina, tutti e cinque i numeri della riga e la decina o rampazzo e cioè due file complete, delle tre disponibili, nella stessa cartella. Talvolta viene assegnato anche un premio al cosiddetto Tombolino, ovvero alla seconda cartella in ordine di tempo a totalizzare la tombola.

Un’ulteriore regola prevede che chi vince un premio su una riga non può vincere il premio successivo sulla stessa riga della stessa cartella. Quindi chi fa un ambo sulla prima riga non può fare terno sulla prima, ma solo sulla seconda o sulla terza, ma può comunque fare quaterna sempre sulla prima riga. Questa regola ha lo scopo di distribuire con più uniformità i premi, coerentemente col fatto che la tombola è intesa come un gioco di aggregazione sociale, al quale partecipano spesso anche i bambini. Tuttavia l’interpretazione più in voga stabilisce che il terno, la quaterna e la cinquina possono essere diversi, ad esempio 4 ambi, 3 terni, 2 quaterne e possono essere eseguiti sulla stessa riga, per consentire più vincite ex aequo.

LA SMORFIA

La Smorfia, o anche detto libro dei sogni, è usato per interpretare i sogni assegnandoli  corrispondenti numeri da giocare al lotto. Altre teorie sono propense a credere che l’origine della Smorfia risieda all’interno della tradizione cabalistica ebraica. Secondo la Cabala (Qabbalah), nella Bibbia non vi è parola, lettera o segno che non abbia qualche significato misterioso correlato. Il mondo stesso non sarebbe altro che un insieme di simboli da decodificare. Per questo i cabalisti crearono una sorta di dottrina interpretativa per svelare i significati nascosti dietro alla realtà apparente.

In ogni Smorfia un vocabolo, un evento, una persona, un oggetto, è trasformato in uno o più numeri, attraverso una codifica anche abbastanza precisa che prevede un numero diverso a seconda del contesto. Ad esempio “giocare” fa 79, ma cambia se si gioca ai cavalli (81), al lotto (33), a calcio (50), a carte (17), o a scacchi (22) e così via.

La Smorfia napoletana è una sorta di “dizionario” in cui a ciascun vocabolo (persona, oggetto, azione, situazione, ecc.) corrisponde un numero da giocare al Lotto. L’origine del termine è incerta, ma la spiegazione più frequente è che sia legata al nome di Morfeo, il dio del sonno nell’antica Grecia, in quanto è d’uso tradurre in “giocata” la descrizione di un sogno (ma a volte anche situazioni reali che hanno attratto l’attenzione popolare). La Smorfia è tradizionalmente legata alla città di Napoli, che ha una lunga tradizione nei confronti del gioco del lotto, ma esiste un gran numero di smorfie locali legate ad altre città.

Di seguito è riportata la Smorfia napoletana utilizzata nei programmi per Tombola di G. Oliviero, dal programma più semplice a quello più complesso.
1 L’Italia
2 ‘a ‘Piccerella
3 ‘a Gatta
4 ‘o Puorco
5 ‘a Mano
6 chella ca guarda ‘nterra
7 ‘o canter
8 ‘a Madonna
9 ‘a Figliata
10 ‘e Fasule
11 ‘e Suricille
12 ‘o Surdate
13 Sant’Antonio
14 ‘o ‘Mbriaco
15 ‘o Guaglione
16 ‘o Culo
17 ‘a Disgrazzia
18 ‘o ‘Sanghe
19 ‘a Resata
20 ‘a Festa
21 ‘a Femmena annura
22 ‘o Pazzo
23 ‘o Scemo
24 ‘e Guardie
25 Natale
26 Nanninella
27 ‘o Rinale
28 ‘e Zzizze
29 ‘o Pate d”e Ccriature
30 ‘e Ppalle d”o Tenente
31 ‘o Padrone ‘e Casa
32 ‘o Capitone
33 ll’Anne ‘e Cristo
34 ‘a Capa
35 L’Aucelluzz
36 ‘e Ccastagnelle
37 ‘o Monaco
38 ‘e Mmazzate
39 ‘a Funa n’Ganna
40 ‘a Paposcia
41 ‘o Curtiello
42 ‘o caffe’
43 Donna fore ‘o barcone
44 ‘e Carcere
45 ‘o Vino bbuono
46 ‘e Denare
47 ‘o Muorto
48 ‘o Muorto che pparla
49 ‘o Piezzo ‘e Carne
50 ‘o Ppane
51 ‘o Ciardino
52 ‘a Mamma
53 ‘o Viecchio
54 ‘o Cappiello
55 ‘a Museca
56 ‘a Caruta
57 ‘o Scartellato
58 ‘o Paccotto
59 ‘e Pile
60 se Lamenta
61 ‘o Cacciatore
62 ‘o Muorto acciso
63 ‘a Sposa
64 ‘a Sciammeria
65 ‘o Chianto
66 ‘e ddoie Zetelle
67 ‘o Totaro int”a Chitarra
68 ‘a Zuppa cotta
69 Sott’e ‘Ncoppa
70 ‘o Palazzo
71 l’Ommo ‘e Merda
72 ‘a Maraviglia
73 ‘o Spitale
74 ‘a Rotta
75 Pullicinella
76 ‘a Funtana
77 ‘e gambe ‘de femmene
78 ‘a bella Figliola
79 ‘o Mariuolo
80 ‘a Vocca
81 ‘e Sciure
82 ‘a Tavula ‘mbandita
83 ‘o Maletiempo
84 ‘a Cchiesa
85 ‘ll Aneme ‘o Priatorio
86 ‘a Puteca
87 ‘e Perucchie
88 ‘e Casecavalle
89 ‘a Vecchia
90 ‘a Paura

 

 Top  | Giochi  | Burraco | Briscola | Scopa
(c) by Oliviero 2019

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: